Cinema & Co

Inferno - Tom Hanks e Dan Brown

Inferno HowardE' trascorsa appena una settimana dall'uscita del film "Inferno" dalla regia di Ron Howard con Tom Hanks, Felicity Jones, Irrfan Khan, Omar Sy, Ben Foster e gli incassi sono stellari. La penna di Dan Brown è riuscita ancora una volta a rapire il pubblico con enigmi, colpi di scena, emozioni che tolgono il fiato, ma sarà possibile dire lo stesso della pellicola cinematografica? I pareri sono discostanti. Cerchiamo di capire le motivazioni. 

 

Ben Foster, un catastrofista, crede di poter scatenare l'Inferno propagando una nuova Peste Nera destinata a sterminare gran parte dell'umanità. Il simbolista Robert Langdon (interpretato nuovamente da Tom Hanks) è alle prese con una serie di indizi collegati al maestro Dante Alighieri. Quando Langdon si risveglia a Firenze affetto da amnesia, inizia a collaborare con Sienna Brooks (Felicity Jones) alla ricerca di questo virus creato appositamente per dimezzare la popolazione terrestre oramai in sovrannumero. 

Il terzo capitolo della trilogia di Ron Howard dedicata ai romanzi di Dan Brown presenta la magica e insostituibile Firenze con tanti effetti finti, troppo caos per nulla durante l'inizio della sceneggiatura, trama molto semplice e due personaggi, Hanks e Jones, poco attraenti e per niente complici durante la recitazione. L'Inferno di Dante Aligheri avrebbe meritato migliore scrittura cinematografica e questa volta Howard ha abbassato il livello di creatività e coinvolgimento dello spettatore. Speriamo in un sequel migliore. 

 

Imelda Zeqiri

Condividi


Facebook Twitter

C.M.S. NeoComete