Curiosità

Il Sasso di Dante

Il sasso di Dante a FirenzeCosteggiando la parte destra del Duomo, in prossimità di Piazza delle Pallottole – così chiamata perché accoglieva un gioco simile alle bocce e perché fu teatro dell'uccisione di Giuliano Salviati, grande amico del duca Alessandro de' Medici, da parte del condottiero Leone Strozzi, inferocito dalle proposte oscene fatte dal Salviati a sua sorella Luigia – e via dello Studio, si trova, tra due negozi, il Sasso di Dante.

In questo luogo l'Alighieri, prima della cacciata dalla città, soleva sedersi su un grande masso ad ammirare i lavori di costruzione della cattedrale di Santa Maria del Fiore.

Tale angolo cittadino è permeato da una simpatica leggenda, ben nota ai fiorentini. Un giorno, mentre Dante era seduto sul sasso, assorto nei propri pensieri, passò di lì un suo conoscente, che gli chiese: "Oh Dante, qual è il cibo che più ti piace?"; la risposta del poeta fu: "L'ovo!"... Dopo un anno, lo stesso personaggio ripassò di lì e, ritrovando il poeta, sicuro di coglierlo di sorpresa, gli disse: "Con che cosa?"; e Dante, senza esitazione, gli rispose: "Col sale!".

 

Lorenzo Sieni

Condividi


Facebook Twitter

C.M.S. NeoComete