Gastronomia

Epifania e i fagioli della Befana

I fagioli neri della befana, Imelda Zeqiri"La Befana vien di notte, con le scarpe tutte rotte, con le toppe alla sottana: Viva, viva la Befana!" recita cosi la filastrocca dedicata all'Epifania che tutte le feste porta via. In occasione di questa ricorrenza di stampo cattolico, vi raccontiamo oggi il significato del 6 Gennaio e lo accompagniamo con un piatto saporito e ricco di proteine, "I fagioli della Befana". 

Questa festa, che ricorre per i cristiani il dodicesimo giorno dopo la natività, è divenuta ormai una delle massime solennità festeggiate, assieme alla Pasqua, Pentecoste e Ascensione. Il termine greco antico epifania (manifestazione, apparizione) assunse una rilevante importanza sin dai tempi di San Giovanni Crisostomo poiché si celebrava la prima manifestazione della divinità all'intera umanità, con la visita solenne, l'offerta di doni altamente significativi e l'adorazione dei Magi. 

La Befana è una corruzione lessicale del termine Epifania e sta ad indicare una donna molto anziana che vola su una vecchia scopa la notte tra il 5 e il 6 gennaio soffermandosi a riempire le calze lasciate dai bambini, appese sul camino o vicino a una finestra. Quelli che durante l'anno si sono comportati bene riceveranno dolci, caramelle, frutta secca o piccoli giocattoli. Al contrario, coloro che si sono comportati male troveranno le calze riempite con di carbone. 

Cogliamo l'occasione per proporvi un piatto ricco, gustoso e ideale per l'inverno nonché per festeggiare il 6 Gennaio. Questi sono gli ingredienti: 

500 gr di fagioli neri
50 gr di salsiccia piccante a pezzetti
1/2 cipolla
300 Gr di cotenne di maiale
1 cucchiaio di olio d'oliva
250 ml di salsa di pomodoro
70 gr di pancetta affumicata a cubetti
Pepe q.b.
Sale q.b.
1 rametto di rosmarino
1 cucchiaino di cumino in polvere

Fate bollire i fagioli in una pentola con 2 litri di acqua salata per 3 minuti; spegnete il fuoco e lasciateli in acqua per circa un'ora. Aggiungete nella pentola le cotenne e fate bollire a fuoco lento per un'ora. In una padella a parte fate rosolare per 5 minuti la cipolla dopo averla tagliata sottile con dell'olio, il rosmarino ed aggiungete la pancetta; poi aggiungete la salsa di pomodoro, la salsiccia piccante tagliata a pezzettini, il cumino, aggiustate di sale e di pepe. Infine mettete nella padella i fagioli con il loro brodo di cottura e lasciate cuocere per una ventina di minuti. Impiattate e servite la zuppa calda. Buon appetito.

 

Imelda Zeqiri

Condividi


Facebook Twitter

C.M.S. NeoComete