Gastronomia

Gusto e Freschezza con la Panzanella

Gusto e Freschezza con il piatto tipico toscano, la panzanellaLa cultura è cibo, è vita, è mangiare sano e nutrire l'anima, è dedicare tempo a noi stessi e alla cura del nostro corpo. Buongiorno Firenze vi propone un piatto tipicamente locale, molto povero, ma allo stesso tempo ricco di ingredienti semplici e facilmente reperibili, la Panzanella. Questo piatto unico, originario della Toscana e successivamente diffuso nelle regioni centrali, è chiamato anche pansanella o panmolle. La ricetta prevede del pane toscano raffermo inumidito, qualche foglia di basilico, una bella cipolla rossa, cetrioli, pomodori e il tutto condito con olio, aceto e sale. 

In Toscana questo piatto così povero, ma gustoso è conosciuto in molte località e preparato soprattutto nella stagione estiva proprio perchè il corpo richiede meno calorie e tanta freschezza. Uno dei più importanti pittori fiorentini, il Bronzino, parlava così di questo piatto della tradizione contadina: "chi vuol trapassar sopra le stelle di melodia v’aggiunga olio e aceto en’tinga il pane e mangi a crepapelle. Una insalata di cipolla trita colla porcellana e cetriuoli vince ogni altro piacer di questa vita".

Esistono altre versioni sulle origini di questo piatto caposaldo della cucina Toscana. Si narra che siano stati i marinai a dare avvio a una lunga tradizione del panmolle aggiungendo acqua di mare e pomodori al pane raffermo che si portavano dietro durante le battute di pesca. Oggi esistono tante versioni arricchite che ne capovolgono la semplicità degli ingredienti base. Molte ricette riportano anche le carote, il radicchio, il prosciutto a dadini, il formaggio, le uova sode e altro ancora. Provate a sbizzarrirvi, ma rispettare la ricetta originale vi farà assaporare la tradizione millennaria di questo piatto così semplice.

 

Imelda Zeqiri

Condividi


Facebook Twitter

C.M.S. NeoComete