Letteratura

Le avventure di Pinocchio

Pinocchio, Storia di un burattino diventato umano di Carlo CollodiAlzi la mano chi non conosce la storia di quel pupazzo di legno divenuto bambino che soleva dire qualche bugia e per tale ragione gli cresceva il naso? Esatto! Parliamo proprio di lui, del personaggio più amato e conosciuto dai grandi e piccini, il bambino nato dalla penna del toscano Carlo Collodi (pseudonimo di Carlo Lorenzini), Pinocchio. Il protagonista del racconto per ragazzi nasce nel 1881 ed ottiene un successo immediato e straordinario in tutto il mondo. 

Il romanzo, ambientato nell'epoca del Granducato di Toscana, narra la storia di una marionetta che prende vita nella bottega del Mastro Ciliegia, il quale spaventato da quanto accaduto, lo regalo ad un poverissimo falegname chiamato Geppetto. Questi inizia a considerare il pupazzo di legno un vero e proprio figlio tanto da insegnarli a camminare, a vestirsi e a mangiare. Pinocchio però, come tutti i bambini, è molto vivave e birbante. Durante i suoi incontri con personaggi di dubbia simpatia, inizierà a capire che le marachelle portano solo guai e gli fanno crescere il naso. La Fata, percependo il buon cuore di Pinocchio, decide di trasformarlo in un bambino vero in carne ed ossa.

Il romanzo, dal forte valore pedagogico, è in realtà una satira nonchè una 'denuncia' dei metodi istruttivi Ottocenteschi. L'autore lascia percepire un'educazione formale contradditoria e sempre più spesso inadeguata per i giovani del periodo che si stavano trasformando ed avevano altre esigenze. Molte sono state le interpretazioni, tra le quali anche quelle che trovavano nel romando di Collodi un netto rimando all'ordine massonico fiorentino dell'epoca. Pinocchio è in realtà quel percorso difficoltoso e insidioso che ogni bambino intraprende per percorrere il cammino della maturazione e dell'apprendimento trasformandosi così in un ragazzino vero.

 

Imelda Zeqiri

Condividi


Facebook Twitter

C.M.S. NeoComete