Letteratura

Simposio di Platone

Il Simposio di Platone, o un trattato sul dio dello Amore, ErosL'Amore è un'esperienza che tutti sperimentiamo, almeno una volta nella vita, ma cosa sappiamo di questo sentimento che tanto fa vibrare il cuore ed ogni cellula del corpo? Platone ci viene incontro con uno dei suoi dialoghi più famosi su Eros, il Dio dell'Amore, "Il Simposio" - ovvero bere insieme - una delle opere più rilevanti, nonchè importanti sulla figura dell'uomo occidentale alle prese con la definizione corretta dell'Amore. 

Nello sguardo sinottico della scala dell'Amore, i commensali di questo incontro sono chiamati ad elogiare il Dio Eros e a motivarne la grandezza dinnanzi alle altre divinità. Gli invitati in questione sono dei filosofi, come Fedro, Pausania ed Erissimaco i quali non riescono a scrostarsi dalla visione dualistica dell'Amore, Aristofane che ne evidenzia le caratteristiche terrene, Agatone che ne individua in chiave poetica la rilevanza sugli altri Dei ed infine Socrate che ne capovolge la visione consueta di tutti i suoi cari amici di banchetto. 

Il primo grado della scala dell'Eros è l'amore della bellezza dei corpi, il secondo e il terzo la bellezza delle anime, delle attività umane e delle leggi, il quarto è l'amore della bellezza delle conoscenze e al vertice la visione del Bello in Sè. Nell'ambientazione simposiaca, Platone ci illumina sul sentimento più ambiguo ed intenso con il quale gli uomini si sono confrontati. Una lezione d'amore del pensiero occidentale da leggere e rileggere riscoprendo la dottrina dell'Eros secondo un paradigma che si contrappone al sapere erotico dell'antichità.

 

Imelda Zeqiri

Condividi


Facebook Twitter

C.M.S. NeoComete